Pirati unchained

Prologo: Eredità Gloriosa (pt.3)

“Questa tempesta tra capo e collo non ci voleva proprio, siamo solo all’ottavo giorno di rotta, tutti gli uomini, compresi il medico e i cuochi, verranno assegnati al lavoro dell’Attrezzatore, lavorate sodo ed attentamente uomini, e questa sarà solo una passeggiata, altrimenti quando tutto questo sarà finito, faremo i conti. Sopravviverò solo per farvela pagare state pur certi” (Signor Scrouge – Nostromo della Immenso Verde)

Giocatori: Alice, Benjamin Dover, Rosinante Reyes “Corazon”, ASLAUG NIFLUNGAR, Gordon “Sopp” Sand, Frank Stein

Proseguo di Prologo (parte 2)

Mare Interno – Giorni 5-11 (4 Marzo – 10 Marzo AD 5017) – Immenso Verde

4 Marzo

Sera: dopo la cena la ciurma si ritrova in stiva a consumare il tanto desiderato pasto, ma prima di cena gli uomini si Scrouge decidono di portare su il signor “Orsogufo” Heartstone e di svegliarlo apposta per aizzarlo contro il Signor Stain, dopo che la ciurma cantando e suonando ha assistito all’incontro finito rovinosamente per il giovane Frank, il signor Scrouge giunge a raccogliere il tributo di una precedente scommessa. Maledicendo coloro che sono fuggiti per non pagare.

5 Marzo – 6 Marzo

Il lavoro e la vita di bordo proseguono senza nessuna possibilità di sottrarsi al diligente e pedante controllo del Nostromo e dei suoi uomini, tra piccole scazzottate ed insulti, giochi e rum. Di tanto in tanto fa capolino il Capitano, che tra un pianoforte vecchio e inutilizzato ed un cannocchiale rotto ha fatto la conoscenza di nuovi marinai imbarcati sulla sua nave.

Un curioso pappagallo giallo, con un repertorio di bestemmie che farebbe invidia a Lamashtu in persona, infesta i ponti e le stanze della nave. Qualcuno prova ad addestrarlo, nonostante la sua natura ribelle.

7 Marzo – 9 Marzo – TEMPESTA!

La profetica visione del Signor Jakes Gazza, [vedi Prologo parte 1 NdR], si è avverata, ad una esatta settimana dalla partenza della Immenso Verde si palesa una tempesta molto violenta che abbattendosi contro la nave costringe tutti gli uomini a lavorare come cani per molti turni, tra stanchezza e crolli sul posto del lavoro, che non resteranno impuniti. La piccola halfling, Rosie Cusswell, cade a mare il giorno di piena tempesta, ma la pronta reazione di alcuni signori marinai della nave fanno in modo da scampare una tragedia quasi certa. In seguito alla mezza-donna è stato anche restituito il suo adorato Violino, rendendo per sempre questo personaggio fedele ai suoi nuovi amici.

Al termine della tempesta, giunge infine la calma, interrotta dalla campana che segna l’ora del sangue
Un arrogante quanto furioso Nostromo attraverso metodi sanguinari e poco apprezzati pesta a sangue coloro i quali si sono addormentati dalla fatica durante gli estenuanti turni di lavoro nei giorni di tempesta. Dopo aver sedato lo scoppiare di una rivolta da parte del Capitano, all’orizzonte si intravedono VELEEEEE, sono molte e schierate ad oriente, E’ il blocco navale del mare interno, suggerisce qualcuno di più navigato. Guai all’orizzonte…

10 Marzo

Meglio evitarli i guai. La Immenso Verde vira sfruttando i giusti venti a sud, verso la vicina costa Garundi. Il tempo sereno e le acque calme hanno spinto la nave al sicuro da occhi ufficiali, e questo momento di calma permette all’equipaggio di recuperare fiato, cibo, e sulla costa anche acqua.
La giornata di lavoro è facile per la maggior parte degli uomini, alcuni di essi però mandati a ridosso della barriera corallina a recuperare cibo riportano una ragazza, la signorina Alice, ferita ad una gamba, per mano, se così si può dire, di una temibile quanto succulenta Langusta, recuperata e servita per cena.

Prosegue: Prologo: parte 4

Comments

LordEndelor LordEndelor

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.